Pizzaioli

Cristian MarascoGrotta Azzurra

Da bambino giocava a fare il pizzaiolo. Ora è un pizzaiolo professionista. Attore protagonista di ben tre locali in Brianza, in provincia di Lecco: a Merate, a Bonate Sopra e a Malgrate. Che gestisce con la famiglia. Cristian Marasco ha 39 anni, tanta voglia di sperimentare, una moglie, tre figli, un fratello, una sorella e pure un padre di origini napoletane. Da qui la nascita del ristorante-pizzeria la Grotta Azzurra, che dal 1982 ad oggi si è fatto al cubo.

Mission? Fare pizze di alta qualità, tradizionali e innovative, proposte in cinque tipi di impasti: a lievitazione naturale, con 96 ore di maturazione a temperatura controllata; alla napoletana (secondo il disciplinare dell’associazione Verace Pizza Napoletana); e ancora, integrale, ai cereali e al kamut. E al top? Ingredienti capaci di privilegiare il territorio, ma non solo. E così se la mozzarella è 100% lombarda (da latte di bruna alpina della Valtellina), non manca certo il mare. Perché i Marasco ce l’hanno nel sangue. Tant’è che furono tra i primi a portare la cultura del pesce in terra brianzola.

Ecco allora che fra le pizze in carta spiccano quelle vocate all’acqua salata. Carpaccio di mare: con pomodoro san marzano, quenelle di burrata pugliese, rucola selvatica, salmone, branzino e pesce spada affumicati. Genovese: con insalata di piovra, patate al forno, crema di bufala, pesto genovese, prezzemolo, pomodoro san marzano e pomodoro del piennolo fresco.

Un pizzaiolo attivo e dinamico, spesso impegnato in corsi, eventi e competizioni, con ottime prestazioni. E fu proprio in occasione della prima sfida della sua vita che mise a punto la pizza Lumbard, virtuosa di tre formaggi regionali e di tre versioni della polenta in foggia di carpaccio: bianca, gialla e di grano saraceno. Una cosa è certa: il numero tre gli porta fortuna.

Grotta Azzurra
Viale Giuseppe Verdi 64 – Merate (LC)
www.grottaazzurramerate.it


Masterclass


Pizze

Italia mondiale
con pomodoro san marzano, burrata pugliese, pomodorino cigliegino rucola selvatica e scaglie di parmigiano
non loso
con fior di latte di agerola, antico pomodoro napoletano, filetti di alice di cetara, colatura di alici origano, basilico e aglio